I modi migliori per conservare le proprietà dell'Aloe

L'Aloe è una pianta dalle molteplici qualità: da sempre usata nella medicina tradizionale per ridurre ed eliminare i disturbi intestinali, tra cui il più fastidioso è sicuramente la diarrea, è anche un ottimo regolatore che fa sparire i sintomi della sindrome premestruale, regolando la pressione, eliminando i corpi estranei dall'organismo, normalizzando il colesterolo.

È importante però saperla conservare bene. Macerarne le foglie, o sottoporle a forti sbalzi di temperatura, o polverizzarle, significa comprometterne i risultati. Le foglie vanno raccolte solo al momento del bisogno e non vanno conservate in frigo. Il frullato può essere preparato in casa subito dopo la raccolta. Le foglie è meglio non spedirle, in quanto il viaggio, e il tempo che passa dalla raccolta all'utilizzo, ne compromette le caratteristiche.

Non dimenticate, inoltre, che l'Aloe è un coadiuvante e non un elisir, e pertanto mentre ci si cura è consigliabile non fumare, bere o assumere droghe. Sembra un consiglio superfluo, ma è meglio ribadirlo onde evitare di compromettere una possibile guarigione.

Vuoi essere il primo a saperlo?

Iscriviti alla newsletter per ricevere in anteprima le offerte speciali dello shop online